header_image
Risultati della ricerca

ABB S.P.A.

Descrizione:

Stabilimento ABB di Dalmine (Bergamo, Lombardia): produce apparecchi e quadri di Media Tensione, con circa 750 dipendenti e un fatturato annuo superiore ai 250 milioni di dollari. I volumi di produzione si attestano sui 70.000 interruttori e 12.000 unità di quadri di distribuzione all’anno. Il processo produttivo a Dalmine per la produzione di Apparecchi consiste nell’assemblaggio e collaudo a commessa di prodotti configurabili, partendo da circa diecimila componenti acquistati da fornitori. Le configurazioni possibili di prodotto finito sono diverse migliaia. I tempi di consegna richiesti dal Mercato sono di alcuni giorni. La sfida quindi è di essere in grado di gestire l’elevata complessità in tempi rapidi. Le linee di produzione sono altamente flessibili e con un tempo di attraversamento inferiore alla giornata. Il sistema produttivo dei Quadri è ancora più complesso in quanto consiste nella progettazione (sempre per le parti di cablaggio, alcune volte anche per le parti meccaniche), assemblaggio e collaudo a commessa di prodotti solo parzialmente configurabili. Tutti i componenti sono acquistati da fornitori tranne i componenti di lamiera e di rame, i quali sono prodotti internamente su due linee di lavorazione automatiche. La gamma di Quadri è molto variegata così come i tempi di consegna che vanno da alcuni giorni fino ad alcuni mesi. Dal 2008 nelle unità produttive sono applicati in modo strutturale i concetti e le tecniche della lean production sulla base del protocollo Dalmine Lean Way che si pone tre obiettivi fondamentali: 1. la soddisfazione dei Clienti con un sistema produttivo sincronizzato con le richieste del Mercato 2. l’eliminazione degli sprechi dei processi 3. il coinvolgimento attivo degli operatori per la ricerca del miglioramento continuo. La peculiarità dell’impianto di Dalmine è legata al fatto che l’impianto può essere considerato la fabbrica di interruttori di Media Tensione più grande al mondo, con elevate soluzioni di automazione e interamente gestita tramite MES (Manufacturing Execution System). Nell’impianto vengono gestite alcune fasi di produzione attraverso 8 linee di produzione ognuna dedicata ad una famiglia di prodotto. L’azienda è visitata ogni anno da oltre 3.000 persone in rappresentanza di clienti, fornitori, istituzioni accademiche, istituzioni di ricerca e studenti. Dello stabilimento fa parte lo Smart Lab, struttura unica nel suo genere per la sperimentazione, la ricerca e la simulazione di tecnologie pionieristiche. Il laboratorio mostra le soluzioni più innovative per migliorare l'efficienza energetica e la sicurezza, nonché lo stato dell’arte delle tecnologie per la produzione e per l'affidabilità delle reti, l’offerta globale per le rinnovabili e le ultime soluzioni ABB di microgrid per aree remote e Paesi emergenti.

Anno di fondazione:

1934

N° Dipendenti

750

Tipologia d’azienda:

Produttore macchine/impianti

Mail:

fabio.golinelli@it.abb.com

CENTO4punto0

Di che tipo è la soluzione proposta/a quale livello è implementata la soluzione proposta?

Situazione iniziale:

La situazione iniziale era costituita da un processo di assemblaggio, collaudo, movimentazione completamente manuale, basato su banchi di lavoro, rulliere folli e carrelli elevatori con operatore. I sistemi di movimentazione automatici non erano disponibili in tutta la linea produttiva.

Descrizione del caso:

L'obiettivo iniziale era una rivisitazione completa dei sistemi di movimentazione materiali e movimentazione prodotto lungo le fasi di assemblaggio. Il risultato atteso è da un lato l'implementazione di sistemi fortemente efficienti basati su tecnologie innovative e dall'altro la realizzazione di sistemi replicabili in altri siti produttivi. Per quanto riguarda il sistema di movimentazione dei materiali le metodologie che sono state applicate sono il "role storming" e il "modello della creatività di Walt Disney". Le tecnologie utilizzate sono: - Veicoli a guida autonoma (AGV), dotati di intelligenza artificiale che permettono una gestione indipendente ed efficiente dei percorsi e del prelievo materiale. Gli AGV opereranno inoltre a stretto contatto dei lavoratori nelle quotidiane aree produttive, migliorandone la sicurezza rispetto all'interazione con i classici carrelli elevatori con operatore - Un sistema di localizzazione delle unità di carico attraverso l'impiego di tecnologie a radiofrequenza (RFiD attivi e localizzatori ad Ultra Wide Band) - Un'unità centrale IoT di regia e coordinamento (MES) che rende possibile una comunicazione autonoma di più sistemi interconnessi (ERP, sistema di localizzazione, AGV, PLC ecc.) Questo sistema di movimentazione materiale è stato sviluppato per la movimentazione di euro pallet, con l'obiettivo di poter essere replicato a qualsiasi realtà industriale che utilizzi unità di carico standard. Per quanto riguarda il sistema di movimentazione prodotto le metodologie che sono state applicate sono il brainstorming e le tecniche applicate dalla lean production. Le tecnologie utilizzate sono: - AGV a guida magnetica per la movimentazione dei semilavorati e per l'assemblaggio di alcuni componenti del prodotto. Si tratta di una vera e propria stazione mobile, interconnessa con il sistema MES per il controllo della qualità di ogni singolo componente e per la gestione delle attività produttive (visualizzazione della distinta base, disegni di assemblaggio, ordini di produzione ecc.), tramite l'utilizzo di tablet e barcode reader - Un sistema SCADA per la manutenzione e la logistica. Gli AGV sono monitorati da remoto e in real time dal sistema che ne permette la manutenzione preventiva e predittiva tramite l'utilizzo di algoritmi intelligenti. Esempi delle caratteristiche monitorate sono le derive elettriche/elettroniche dei componenti, l'usura meccanica, il surriscaldamento e la distanza percorsa - Un manipolatore elettronico intelligente che assiste l'operatore nelle operazioni di sollevamento e di assemblaggio dei materiali sulla stazione mobile AGV, dotato inoltre di un app di diagnostica, utilizzabile da tablet e smartphone, collegata in real time con il reparto assistenza/manutenzione del fornitore Prevediamo la completa implementazione dell'intero sistema entro la fine del primo semestre 2018.

Vantaggi ottenuti:

impatto sociale| impatto operativo| impatto economico

Barriere incontrate:

La forte propensione all'innovazione e lo spirito pionieristico che pervade progetti di questa portata ha presentato la seguente difficoltà: - Durante la fase di analisi delle tecnologie necessarie all'implementazione del progetto, abbiamo riscontrato che le tecnologie presenti sul mercato non erano mature a soddisfare pienamente l'ambizione iniziale, con la conseguente difficoltà nell'individuare il partner corretto, capace di sviluppare e implementare la soluzione definitiva in tempi brevi

Immagini

Contatti aziendali

fabio.golinelli@it.abb.com
Via Friuli, 4 24044 Italy